L’inquietudine di Torquato Tasso

In via Egidi n.6 si trova un palazzotto dal colore giallo pallido, con una porta in legno decorata da inquietanti mascheroni. Volgendo lo sguardo verso l’alto, una lapide testimonia il breve soggiorno di Torquato Tasso nell’autunno del 1578; in realtà, non vi è alcun documento che attesti la precisa dimora dello scrittore, ma sappiamo che […]

Read More

Mario Soldati e i Murazzi

Poco dopo Lungo Po Diaz, all’imbocco con il ponte Vittorio Emanuele I, scendendo ai Murazzi ci si imbatte in una lapide che ricorda Mario Soldati. La targa è curiosa perché il personaggio non viene commemorato per i suoi film o i suoi libri, ma per un atto di coraggio adolescenziale che gli valse la medaglia […]

Read More

Nella “Food Valley”​ italiana: l’antico ducato di Parma e Piacenza

🌅Partiamo da Parma “petite capitale” dei Farnese, dei Borbone e soprattutto di Maria Luisa d’ Asburgo, seconda moglie di Napoleone, che, in meno di trent’anni, trasformò la città invitando musicisti, artisti e cuochi. Se ci sono luoghi che permettono di capire l’indole “godereccia” dei suoi abitanti, questo è il Teatro Regio: nei suoi retropalchi, scomparsi nella maggior parte degli altri teatri, durante l’intervallo si può fare uno spuntino a base di pane e culatello;

Read More
Torna su
Open chat